Hai ricevuto una multa e vuoi contestarla? Vediamo come si fa!

distacco_impianto_riscaldamento_autonomo
Quando (e come) è possibile distaccarsi dall’impianto autonomo di riscaldamento?
18 Luglio 2017
Casi di cronaca
13 Novembre 2017
Mostra tutto

Molti di noi al ricevimento di una multa  procedono immediatamente a pagarla, anche per evitare di incorrere nell’aumento della stessa, ma per essere davvero certi di doverlo fare bastano delle piccole verifiche.

Ma sei davvero sicuro di dover pagare ogni multa?

Cosa controllare :

  • Data di notifica

Innanzitutto è necessario controllare se fra la data dell’infrazione e quella di notificazione non siano decorsi più di 90 giorni (guardando la data di spedizione e non di consegna).

Il codice della strada infatti impone questo termine di 90 giorni all’amministrazione per procedere alla comunicazione dell’avvenuta infrazione.

Ogni ritardo è motivo di nullità del verbale. http://www.aci.it/i-servizi/normative/codice-della-strada.html

  • Verbale

Va poi verificato se il verbale della contravvenzione sia completo di tutti i suoi elementi, l’assenza di alcuni infatti ne determina la nullità.

Il verbale dell’infrazione deve indicare:

  • il giorno,
  • l’ora e
  • la località in cui è stata rilevata l’infrazione e redatto il relativo verbale;
  • le generalità del trasgressore e la sua residenza;
  • la tipologia e la targa del veicolo con il quale è stata commessa la violazione;
  • l’esposizione del fatto contestato;
  • l’indicazione dell’agente che ha rilevato la violazione e la norma di legge violata;
  • l’autorità e le modalità per effettuare l’eventuale ricorso.

Laddove l’assenza di tali elementi crei incertezza circa gli elementi costitutivi della violazione, la multa può essere annullata.

E’ questo certamente il caso, quando manchino l’indicazione della data, il luogo e delle circostanze dell’infrazione.

  • Segnaletica

Un altro motivo di impugnazione della multa è il caso in cui la segnaletica sia:

  • assente,
  • illeggibile o
  • mal posizionata.

Ad esempio laddove vi sia notificata una contravvenzione per eccesso di velocità rilevata da un apparecchio automatico lungo una strada ove la segnaletica che indica uno speciale limite di velocità sia assente o illeggibile il verbale può essere impugnato.

  • Cartelli Temporanei

Nel caso di cartelli con divieti di sosta temporanei, affinché le multe siano valide è necessario che il cartello sia stato autorizzato da una ordinanza comunale e che siano rispettati i termini per l’affissione del cartello temporaneo.

 

  • Autovelox

Quanto proprio all’autovelox è bene precisare che affinché sia valida la rilevazione automatica della velocità, l’apparecchio deve essere tarato e controllato periodicamente come previsto dal nostro ordinamento.

  • Contestazione immediata

Chiaramente il ritardo della notifica riguarda solo le multe che non vengono contestate immediatamente, per queste ultime però ci sono dei limiti.

Infatti la mancata contestazione immediata è giustificata solo per casi eccezionali e previsti dal codice della strada, quali ad esempio il passaggio al semaforo rosso rilevato con sistemi automatici oppure l’eccesso di velocità rilevato con autovelox o mediante tutor e solo laddove non sai possibile raggiungere l’automobilista, nel caso degli autovelox mobili, a causa della velocità di marcia.